NEUROPSICOLOGIA

warning: Creating default object from empty value in /home/benesse3/public_html/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.
I progressi delle scienze neurologiche applicate alla psicologia.

Odore di Felicità

Odore di Felicità

Gli esseri umani possono essere in grado di comunicare emozioni positive come la felicità attraverso l'odore del proprio sudore, secondo una ricerca pubblicata su Psychological Science, una rivista della Association for Psychological Science.

Ecco  perché  il  nostro  cervello   funziona  come  Facebook  

Lo  studio  di  «Nature»  sulle  nostre  sinapsi:  creano  tra  i  neuroni  pochi  legami  fortissimi  e  una  miriade  di  connessioni  deboli.  È  la  logica  delle  «amicizie»  sul  Social  network.

di  Giuseppe  Remuzzi  

Le donne sono più Multitasking degli uomini!

LA CASA, i figli, la spesa, il lavoro: la giornata delle donne è piena di impegni che, spesso, si sovrappongono e si alternano con una rapidità incontrollabile. Eppure loro riescono a districarsi bene, passando da un'attività all'altra senza troppa ansia perché, per natura, sono più multitasking degli uomini. Che il genere femminile fosse più organizzato e abile a orientarsi tra imprevisti e difficoltà, le donne già lo sapevano.

La Specializzazione Emisferica

L’ipotesi di un’asimmetria funzionale degli emisferi cerebrali fu per prima suffragata da Broca che nel 1861 identificò l’area della parola nell’emisfero sinistro. In quel periodo il tema del doppio venne assimilato nella cultura generale e Stevenson nel 1886 scrisse Dr. Jekyll and Mr Hyde, che sottolineava la duplice essenza, una “primitiva” l’altra “educata”, insita in ogni individuo dovuta alla differente specializzazione degli emisferi.

La Memoria fa Cilecca

Che idea avete della nostra memoria? Possiamo immaginare tante cellule come i scaffali di una libreria ognuna delle quali conserva un ricordo, oppure un potente hard disk con tanti file ognuno destinato a qualche tipo di dato. In effetti i due esempi non sono affatto calzanti. I nostri ricordi sono associazioni di sensazioni visive, uditive, tattili ed emotive. Ogni esperienza proviene da un insieme di stimoli sensitivi i quali sono in grado di eccitare le diverse parti del nostro cervello: area visiva, uditiva, sensitivo-motoria e limbo/talamica.

Engrammi

Come fa la nostra mente ad immagazzinare i ricordi? Ad esempio l’immagine di un dipinto? Di certo non esegue una scannerizzazione, in effetti avviene solamente l’eccitazione dell’insieme dei neuroni che sono stati interessati al momento dell’osservazione ripetuta del quadro, neuroni anche distanti fra loro, appartenenti alle varie aree cerebrali. Tali insiemi vengono chiamati engrammi.